25 Anni di Chirurgia Vertebro-Midollare in FVG

Event Dates

Event details

Il 6 dicembre 1993, veniva aperto il reparto di Unità Spinale nell’ospedale
Santa Maria della Misericordia, polo chirurgico che integrava il polo
riabilitativo dell’Istituto di Medicina Fisica e Riabilitazione Gervasutta.
Era nato per dare finalmente una risposta ed una collocazione ai
pazienti traumatizzati che, all’epoca, venivano trasferiti in altre regioni.
Questo creava difficoltà nella gestione di pazienti critici ma soprattutto
dilazionava un intervento chirurgico di decompressione delle strutture
nervose.
La Struttura si è progressivamente trasformata, sviluppando
competenze chirurgiche che sono state applicate ad una casistica
più ampia. Mantenendo il rigore concettuale, sono state introdotte
moderne strumentazioni che hanno offerto nuove soluzioni a differenti
patologie. Per evidenziare questo aspetto, ha cambiato nome in
“Chirurgia Vertebro-midollare” ma questo non ha mutato la relazione
con il Gervasutta nel percorso di cura integrato del paziente con lesioni
vertebro-midollari.
Nel corso del Convegno saranno discusse le basi teoriche della
svolta culturale che ha portato alla nascita del chirurgo vertebromidollare,
costituito dalla fusione delle competenze neurochirurgiche
ed ortopediche. Sarà presentata l’evoluzione clinico professionale e
scientifica di questi 25 anni. Saranno introdotte le promesse derivanti
dall’innovazione tecnologica attesa, che stanno portando ad una
mutazione di prospettiva nel trattamento dei pazienti, i quali potranno
beneficiare di soluzioni ritagliate su misura. Saranno illustrati i progressi
della preparazione infermieristica che si è evoluta, sia nell’area degenze
che in sala operatoria, al passo con le nuove evidenze scientifiche e la
chirurgia mutata nel tempo.
La mission rimane curare nel miglior modo possibile i pazienti
investendo sull’appropriatezza, migliorando le nostre capacità
di selezione, ragionando con i pazienti su ciò che ha valore e che
porta, in questa sanità, ad assicurare il necessario a tutti, adeguando
continuamente la capacità di risposta al mutare dei bisogni e delle
caratteristiche dei cittadini.
La lungimiranza dei politici del passato, è stata sostenuta dalle ultime
amministrazioni: ci ha condotto a quello che siamo nel presente e
ci consente di proiettarci nel futuro. Un futuro nel quale, seguendo
le evoluzioni tecnologiche, perseguiremo con tenacia il rigore
nell’indicazione clinica e l’umanizzazione nell’approccio al paziente.

Barbara Cappelletto


Qui il programma dell'evento.

Per assicurare una ottimale navigazione ed altri servizi offerti, questo sito è predisposto per consentire l'utilizzo di Cookies. Continuando si accettano i Cookies secondo l'informativa consultabile a questo link.